No agli sprechi

Premessa. A Natale il moroso mi ha regalato la tanto agognata macchina del pane. Sarà stato almeno un anno che la bramavo nei negozi di elettrodomestici e quando ho scartato il pacco ero felice come una bimba. Appena abbiamo avuto un po' di tempo l'abbiamo messa in funzione provando l'impasto base, che però prevedeva un kg di pane. Tra l'altro grazie alla mia sbadataggine ho esagerato con il lievito e alla fine il risultato era mangiabile ma non felicissimo (sabato l'ho riprovato con maggiori soddisfazioni).
Siccome ne era venuto tanto è andata a finire che ne è avanzato ed è diventato secco e duro.
Così, quando l'abbiamo rifatto, il moroso, indicando il pezzo avanzato mi ha chiesto: "E questo lo buttiamo?"
"No!", ho esclamato io, reduce dall'ascolto di una trasmissione radio sugli sprechi alimentari e su come evitarli. "Ci faccio la torta di pane".
Dalle nostre parti va molto forte la torta di pane, credo sia una ricetta brianzola in cui il pane deve stare in ammollo per almeno una notte e non so nemmeno in che cosa. Io non avevo nessuna voglia del momento ammollo: ormai ero lanciata nel momento no sprechi e avevo deciso che la torta sarebbe stata prodotta nel pomeriggio stesso.
Mi sono perciò ricordata di questa meraviglia e via che in men che non si dica ero pronta a far fuori l'avanzo.
A modo mio ovviamente, perché quando mai ho in casa gli ingredienti giusti e necessari per fare una ricetta che ho adocchiato? Ci mancava solo che mi mettessi a fare la torta di pane senza il pane vecchio.
Tanto per cominciare avevo solo metà del pane richiesto. E va be', potevo fare una torta più piccola. Ma amaretti? Solo 40 grammi e rimediati per caso. Allora ho integrato con farina di mandorle. Panna in casa? Purtroppo no. Ho pensato di sostituirla con il latte, poi ho visto che l'impasto non prevedeva il burro, allora ci ho messo quello. Il liquore? Be' l'ho semplicemente dimenticato!
Così alla fine ho lasciato perdere anche lo zucchero a velo e tanto è stata spazzata via così velocemente che posso dire di non avere avuto il tempo di mettercelo.
A dire il vero io ne ho mangiati solo due pezzetti piccolissimi, poi il moroso l'ha portata a casa dei suoi ieri sera e il commento di suo fratello, che di solito i dolci li considera pochissimo è stato: "Dille di rifarla subito!". Anche perché è finita in men che non si dica.
Torta di pane e cioccolato di Sabrina, alla maniera di Lise
Torta di pane e cioccolato
Ingredienti
100 gr pane finemente grattugiato
40 gr di amaretti sbriciolati
30 gr di farina di mandorle
100 gr di cioccolato fondente a pezzetti
80 gr di zucchero
1 uovo
75 gr di burro fuso freddo
2 cucchiai di latte
1 cucchiaino di lievito per dolci
Sminuzzare il pane, gli amaretti e il cioccolato nel mixer con le lame. Io all'ultimo giro ho aggiunto anche il lievito per essere sicura che si amalgamasse bene.
Utilizzando le fruste elettriche montare molto bene l'uovo con lo zucchero e amalgamarlo al composto di pane, amaretti e cioccolato, aggiungere la farina di mandorle, quindi, rimestando con un cucchiaio di legno, aggiungere il burro e il latte. Versare il composto in una tortiera imburrata e cosparsa di pangrattato e cuocere in forno caldo a 180° per circa 40 minuti.

Una torta entusiasmante. E la prossima volta che mi avanza il pane provo a fare la ricetta originale.
Questa ricetta partecipa alla raccolta antispreco di Vale: "Il pane secco non si butta!"

Raccolta anti-spreco

15 commenti:

Alem ha detto...
11 gennaio 2010 13:30

Non la conoscevo!!!
ora ci provo anche io.
La macchina del pane è come una droga...

Clementina ha detto...
11 gennaio 2010 14:19

Auguri per la tua macchina,e grazie per la ricetta.Chissà quante belle cose potrai preparare adesso! Clementina

lise.charmel ha detto...
11 gennaio 2010 14:55

alem, non vedo l'ora di provare a fare i lievitati dolci!
clementina, grazie a te. stay tuned :)

desperate.viz ha detto...
11 gennaio 2010 15:45

ci piace!
buona la torta e bravo il moroso!

bella scusa comprart la macchina del pane per farsi viziare :D

:: Anemone :: ha detto...
11 gennaio 2010 16:07

Molto molto molto interessante Lise!
Questa torta l'avevo adocchiata anch'io e mi ispira davvero tanto!
^__^

Ringrazia il tuo moroso anche da parte nostra: aspettiamo le dritte sulla mdp adesso!!

^____^

A presto!

Onde99 ha detto...
11 gennaio 2010 16:21

La torta di pane è una cosa fantastica, io la faccio spesso, variando gli ingredienti e non mi faccio troppi problemi se mi manca qualcosa di fondamentale: come te sostituisco e il risultato è sempre un successo!!!

lise.charmel ha detto...
11 gennaio 2010 16:48

onde, ma noi le vogliamo vedere: postale tutte!
anemone: è arrivato il momento di provarla allora, vedrai che non te ne penti
viz: a dire il vero già lo viziavo parecchio, ma questo regalo mi sa che gratifica più me di lui :)

Danda ha detto...
11 gennaio 2010 19:05

Evviva!!! No agli sprechi! Sono totalmente d'accordo!
Un felice inizio dell'anno con tanto soffice e profumato pane (e dolci) nella tua casetta!
:Danda

Lo ha detto...
11 gennaio 2010 21:57

le torte di pane mi sanno di buono e di casa...con nonni e coperte di lana...e favole...che buona la tua!!! e che bello che hai la macchina del pane! un bacione

fantasie ha detto...
12 gennaio 2010 00:09

Allora se odi gli sprechi devi assolutamente partecipare alla raccolta di Vale. Ecco il link:http://mangiarbere.blogspot.com/2010/01/chi-butta-via-il-pane.html
Baci e a presto

lise.charmel ha detto...
12 gennaio 2010 11:48

danda, evviva lo dico anch'io! e poi è così bello avere la casa profumata di pane
lo: tu pensa che invece, prima di provare questa, le torte di pane mi apparivano mappettose. che grande scoperta!
fantasie, grazie della segnalazione, corro a vedere

Vale ha detto...
12 gennaio 2010 12:18

Grazie per il link! ehehhehe, io sono come te: quando sono impaziente di fare una ricetta ma non ho tutti gli ngredienti in casa, mi "arrabatto" come posso... e a volte il risultato è persino migliore (altre volte meno :( )
Sostituire parte degli amaretti con la farina di mandorle mi è sembrata un'ottima idea...
Grazie per la partecipazione alla raccolta, e ricordati che c'è tempo fino a luglio, se ti avanza ancora del pane!!

Katy ha detto...
12 gennaio 2010 17:03

Ciao cara! Ma pensavo ieri, che bello che la Lise non parli più di diete e di bilance, ma di cibo! ;) Ma come cavolo fai?

Metroicon ha detto...
13 gennaio 2010 20:34

Quando avrò una cucina più spaziosa anch'io comprerò la macchina del pane! Lise, ci penso da quando l'ho vista in azione a cena dalla Simo! :D