Dici Provenza, pensi lavanda

Io ci sono andata per quello. Perché erano anni che volevo vedere i campi di lavanda: quei campi come mari viola in cui perdere l'occhio e il cuore. Anche se credo che la Provenza abbia aspetti affascinanti in qualsiasi periodo dell'anno, da gennaio a dicembre, sia per le belle città che per la natura.
Dicevamo lavanda quindi. Per vedere la lavanda è essenziale non partire oltre la metà di luglio. Dal 14 in poi infatti, comincia la mietitura e si rischia di fare tutto un viaggio per stradine impervie e trovarsi davanti dei campi con cespuglietti verdi alti non più di dieci centimetri. Abbiamo visto anche quelli: so di cosa sto parlando.
La Lonely Planet sostiene che la zona migliore per vedere la lavanda è il plateau de Valensole e per quanto io non abbia esattamente girato la regione in lungo e in largo, mi sento di confermare. Anche il plateau de Vaucluse è una zona di coltivazione della lavanda. Entrambi i plateau fanno parte dell'area denominata Luberon. Chiunque ne sapesse meglio è autorizzatissimo a correggermi nei commenti: la mia non è un'esposizione da grande conoscitrice della geografia.
A Valensole siamo andati subito il primo giorno: io avevo molta ansia di vedere la lavanda!
Fedele al suo nome, Valensole accoglie i suoi visitatori con un enorme campo di lavanda alle sue porte. Sulla strada c'era anche un piccolo banco che vendeva olio essenziale e miele. Il miele l'ho comprato immediatamente, mi par di ricordare che si usi per le madeleines.
Campi di lavanda presso Valensole

Campi di lavanda alle porte di Valensole
Ma la zona tutt'intorno è disseminata di campi. Quando siamo tornati verso il nostro Bed & Brekfast abbiamo preso una piccola statale, fiancheggiata a destra e a sinistra di coltivazioni di lavanda. Ad un certo punto ho pregato il marito di fermarsi, perché volevo fare delle altre foto. Abbiamo lasciato l'auto sotto un albero e sono scesa a scattare altre foto dei campi di lavanda. Non c'era nessuno oltre a noi: c'era una gran pace: si sentivano solo le api ronzare laboriosamente (facevano un gran baccano), per non parlare del profumo, che anche mentre andavamo, entrava in auto dai finestrini aperti. Quel giorno ero emozionatissima.
Campo di lavanda con cespuglio verde - plateau de Valensole

Cespuglio di lavanda - plateau de Valensole
Come dicevo, oltre al plateau de Valensole, anche l'area del plateau de Vaucluse è nota per le sue coltivazioni. Purtroppo quando siamo arrivati lì, al nostro quinto giorno di vacanza, alcuni campi erano già stati mietuti e l'effetto non è stato inebriante come il primo giorno. Certo però che l'abbazia di Senanque si fa perdonare ogni cosa!
Immagine 490

Immagine 509
Anche campi meno ricchi di quelli di Valensole.
Immagine 526
Ad ogni modo, in Provenza di lavanda se ne vede dappertutto.
A Forcalquier c'erano perfino i banchetti al mercato.
Forcalquier - mercato
Anche nel nostro B&B la signora ne aveva tanti bei cespugli, nonostante fossimo molto più a sud del Luberon e l'ultimo giorno, prima che partissimo, ne ha tagliato un mazzo e me l'ha regalato. L'abbiamo lasciato in macchina e tuttora, quando saliamo, veniamo accolti da un profumo delizioso, che ci ricorda le piacevoli giornate trascorse.

11 commenti:

lerocherhotel ha detto...
12 agosto 2011 19:18

Che meraviglia questi campi immensi di lavanda!

Lory ha detto...
13 agosto 2011 00:26

Stupendi, non c'è che dire1

Esmé ha detto...
15 agosto 2011 00:25

Sarebbe anche un mio desiderio di tutta la vita vedere questi campi di lavanda, un giorno.
In quanto al miele di lavanda, ti prego di considerare, almeno una volta nella vita, di usarlo per i crottin de chevignoles tagliati a metà, messi su una fetta di pane casereccio, scaldati al forno e poi scucchiaiati con il miele. Un delirio di bontà. Una volta, quando andavo spesso a Parigi per lavoro e non avevo mai tempo, i Crottin li trovavo anche in aereoporto, l'ultimo acquisto prima di imbarcarmi, e goduria a casa appena arrivata. Ora non prendo più l'aereo, non ho idea: ma hai il miele giusto, non ti resta che cercare il formaggio.
Buona estate

Duck ha detto...
16 agosto 2011 11:05

Davvero uno splendore quel mare viola.
Ma sarebbe bello potersi inebriare, dal tuo blog, anche del suo profumo.
Peccato non poterlo fare.
Saluti!

Saretta ha detto...
17 agosto 2011 14:30

Sono anch'io tra chi desidera vedere la lavanda in Provenza...e grazie per questo bel reportage!

lise.charmel ha detto...
17 agosto 2011 17:10

esmè, il mio migliore amico, nonchè cotitolare (in un certo senso) di questo blog vive a Parigi, perciò la prossima volta che torna a Milano gli farò portare i crottin per un assaggio di gruppo: io metto il miele e grazie per la dritta!
duck, è vero, il profumo e anche il ronzare incessante delle api!
a tutte le altre consiglio il viaggio!

Esmé ha detto...
27 agosto 2011 00:20

fornitura di formaggini assicurata, tu donna fortunata! Allora, mi ero dimenticata di dire che vanno presi quelli freschi, non stagionati.

Esmé

PS La Pina?

maricler ha detto...
28 agosto 2011 18:39

Ciao Lise, sono Maricler di thechefisonthetable. Sto cercando una tua mail ma non la trovo :( Puoi scrivermi all'indirizzo thechefisonthetable@gmail.com? Grazie mille, Mariachiara

lise.charmel ha detto...
29 agosto 2011 11:46

Esmè, la Pina ce la siamo portata anche quest'anno a Capalbio ed era la gatta più felice dell'emisfero occidentale. Alle cinque del mattino mi svegliava, si faceva aprire la porta della camera e usciva per le sue esplorazioni in giardino. La rivedevo intorno alle nove :)
Ha preso una sicumera tale da mettere in fuga perfino il cagnolino dell'agriturismo (che in effetti è più piccino di lei)
Maricler, ti scrivo subito!

Alessia ha detto...
29 agosto 2011 16:18

Lise, ti rispondo qui, così ne approfitto anche per dirti che ho tanto invidiato la tua vacanza provenzale :) la sogno da una vita, ti chiederò consiglio quando finalmente ci andrò!
in verità verrò assunta ma con apprendistato di 4 anni, quindi a tempo determinato, ma non mi lamento (sempre che mi dicano qualcosa, dovrei riprendere lunedì e tutto tace!). Spero proverai la crostata :) Un abbraccio!

verdepomodoro ha detto...
29 agosto 2011 21:31

come ti invidio... anch'io sogno la Provenza e il profumo di lavanda... diciamo che e' la mia ossessione della pausa prqnzo in ufficio. Mi immagino di essere in Provenza.... ah! fantastica gita ...