Rieccomi!

No, non sono morta, non sono stata rapita dagli alieni, non sono entrata nel programma protezione testimoni, non ho vinto a "Turista per sempre".
Come spesso mi succede, mi ero impigrita. Si capiva già dagli ultimi post, sempre più radi e poi, anche se non ho mai pensato con certezza che avrei smesso di tenere questo blog, non avevo più voglia di scrivere.
E anche se alcune amiche mi chiedevano spesso nuovi post, io nicchiavo sempre. Però un po' mi dispiaceva.
Così mi sono messa come buon proposito del 2013 di scrivere su questo blog almeno un post al mese. Ed eccomi qua. Certo, sono proprio al limite del mese di gennaio. Ma ci sto ancora dentro, per cui va bene così.
Sempre in tema di buoni propositi, che ne è stato di quelli del 2012? Non vado a riprenderli, ma ne conosco almeno due con certezza, perché me li sono tirati dietro per anni: la pasta fatta in casa e la torta a strati. Ecco che nell'anno in cui questo blog (grazie al quale ho abbattuto tanti miei tabù culinari) languiva, li ho finalmente mantenuti entrambi.
La torta a strati me la sono fatta per il mio quarantesimo compleanno. Due giorni di lavoro, tra preparazione delle basi e crema, ma ne è valsa la pena: ero fierissima. La pasta in casa l'ho fatta anche per Natale, peccato che si sia incollata tutta e il 24 mattina sia dovuta correre da un pastaio di fiducia per rimediare al danno. Ma almeno ci ho provato e di sicuro ci proverò ancora.
Ma veniamo finalmente alla ricetta di questo mese di gennaio. Invernalissima e perfetta per un pomeriggio freddo, in cui non si ha voglia di uscire e anche l'idea di passare un bel po' di tempo ad affettare verdure non ci sembra così terribile.
Questa ricetta ha una storia. Cioè: io ho una storia in proposito. Io non faccio il brodo. Non faccio il brodo di carne e nemmeno di verdura. Non ho voglia, sono pigra e poiché la sera torno a casa abbastanza tardi dal lavoro, di sicuro non mi metto lì a scaldare carne, pesce e/o verdure con l'obiettivo poi di farci una zuppa o un risotto. Non ho tempo, non mi va. Sono sicura che ci sono persone che trovano favoloso rilassarsi davanti ai fornelli dopo una lunga giornata di lavoro e fanno benissimo. Ma io tutto sommato continuo a preferire il divano e se mi serve il brodo continuo a trovare il dado una fantastica invenzione. Peccato che fondamentalmente faccia schifo, sia come sapore che come contenuto nutrizionale.
Poi ho avuto la fortuna che due amiche per due anni di fila mi hanno regalato il "dado casalingo" fatto da loro. Con dentro solo verdure e sale. Buono, sano e comodo come il dado comprato.
Quest'anno a Natale purtroppo non è arrivato, così mi sono decisa a farlo io. Onestamente pensavo che sarebbe stato più faticoso. Invece no: è solo lungo, perché bisogna affettare tante verdure. Però è facile, ne viene tanto e dà molta soddisfazione. In giro si trovano molte ricette, io mi sono affidata a quella pubblicata su Cucina Naturale di novembre 2011.

Dado casalingo

Dado vegetale casalingo

Ingredienti
Verdure di stagione a scelta
(Cucina Naturale sconsiglia i cavoli perché finirebbero per coprire il sapore di tutto, io ho messo uno scalogno per fare la figa, tre grosse cipolle, sedano, carote, un finocchio e qualche cubetto di zucca, tutto biologico del mio fornitore del GAS)
la metà del peso delle verdure di sale
(io ci ho messo quello integrale di Cervia)

Tagliare le verdure a dadini, pesarle e aggiungere metà del peso delle verdure di sale. Mettere tutto in una pentola capiente, col fondo spesso. Non aggiungere acqua: ne rilasceranno le verdure.
Cuocere a fuoco basso per un'ora circa. Io ho cotto per circa 45 minuti coperto e poi ho tolto il coperchio, per far evaporare un po' l'acqua.
Frullare il tutto a crema e versare in vasetti sterilizzati (io li ho lavati normalmente e poi li ho lasciati una mezz'oretta in forno a 70°C). Rovesciare i vasetti e lasciarli raffreddare rovesciati, in modo che si formi il sottovuoto.

Conservare in frigorifero o in freezer.

5 commenti:

cinas ha detto...
30 gennaio 2013 21:54

due domande.
1) non basta il sale a conservare?

2) cos'è il GAS?

Lo ha detto...
09 febbraio 2013 21:46

che meraviglia leggerti.....anche io faccio il dado..ma per ora l'ho lasciato sempre crudo :)

lise.charmel ha detto...
13 febbraio 2013 16:29

cinas:
1. può darsi che basti, ma si tratta sempre di materiale organico, pur a contatto col sale, probabilmente in frigo e in freezer dura di più;
2. cretino :)

lo: grazie! in effetti il primo che mi fu regalato era crudo, ma ho pensato che a cuocerlo mi veniva più facile.

monicabionda ha detto...
18 febbraio 2013 14:43

lise, bentornata :) mi fa piacere rileggerti.
Decisamente non credo che proverò a fare il dado in casa, ma mi hai incuriosita. In compenso ho intenzione di procedere sulla realizzazione della pasta in casa (anche io ci ho provato per natale: risultato passabile, anche se non ancora a punto. Probabilmente i miei familiari sono poco esigenti da questo punto di vista, io ho intenzione di migliorare). Lascerò a mia cognata la parte tagliatelle e affini, e mi concentrerò sulla produzione di agnolotti del plin (ci riuscissi sarei una donnina felice).
Abbracci

lise.charmel ha detto...
22 febbraio 2013 12:34

monica accidenti, cominci proprio dalla cima! io per ora mi limito a tagliatelle e tagliolini: la pasta ripiena mi sembra al di fuori della mia maldestra portata :)