Bree esci da questo corpo!

Ieri sera abbiamo avuto a cena un nostro amico e avevo previsto di preparare una crostata come dessert. Visto che a me piacciono le crostate belle croccanti, con tanto bordo, ho deciso di seguire la ricetta di frolla croccante per crostate delle sorelle Simili. La frolla è venuta benissimo, buona e croccante, tra l'altro era la prima volta che usavo la lama impastatrice del robot regalatomi da Lise e ne sono stato molto soddisfatto. Ma le sorelle Simili, sante donne, dovrebbero specificarlo che le loro dosi sono quelle della loro panetteria! Finita la prima crostata (con noci e marmellata di arance), con la pasta avanzata ne ho fatta una seconda (con marmellata di ciligie). Ma poi di pasta ce n'era ancora parecchia, e così ho fatto due crostatine di mela. Non contento, con una pallina di pasta che c'era ancora ho fatto dei biscotti con le gocce di cioccolato. Insomma, una produzione dolciaria che levati. Io ora vi do le dosi che ho usato, ma ricordatevi di ridurle se non volete passare il pomeriggio davanti al forno.

La frolla croccante delle sorelle Simili
























Ingredienti per tanta frolla

500 gr. di farina 00
200 gr. di zucchero
200 gr. di burro freddo di frigo
2 uova intere
un pizzico di sale

Mescolare nel robot con le lame per impastare (quelle di plastica) la farina e lo zucchero. Aggiungere il burro tagliato a pezzetti. Il segreto della frolla è che deve restare il più possibile fredda, quindi lavoratela il meno possibile con le mani e tirate fuori dal frigo il burro all'ultimo minuto. Impastare per un po' senza le uova, prima a pulsazioni e poi a piena velocità. Aggiungere le uova e il pizzico di sale e continuare ad impastare fino ad ottenere un composto omogenero. Io ho aggiunto anche una punta di cacao amaro (per rendere la pasta più scura) e della scorza di limone grattuggiata per coprire il sapore troppo forte del burro.
Quando l'impasto è pronto, formate velocemente una palla, senza scaldarlo troppo tra le mani, e riponetela in frigo avvolta nella pellicola trasparente per almeno mezz'ora. La frolla è ora pronta per tutte le vostre creazioni! Un consiglio: quando la stendete, tirate fuori dal frigo man mano solo quella che vi serve. Insomma, più resta fredda, meglio è.

6 commenti:

Cristina ha detto...
30 gennaio 2012 14:02

la pasta frolla non è mai troppa!!!Più dolci si fanno meglio è,no?!?1

Gabri ha detto...
30 gennaio 2012 16:15

E' vero, con le Simili ho lo stesso problema anch'io! Soprattutto con i lievitati, non devo solo dimezzare le dosi: spesso le devo dividere per 4 o 5!! Tremende...comunque, sono d'accordo, la frolla ha una lunga durata e non è mai troppa!! :) Baci!

Claudia ha detto...
30 gennaio 2012 20:33

Adoro la frolla, è uno degli impasti che preferisoc...pensa che a volte la mangio anche cruda quando avanza! :-) Ottime queste crostate!!!

Lo ha detto...
31 gennaio 2012 15:30

ahah però che grandi e golosi risultati....volevo invitare te e Lise a questo contest:
http://galline2ndlife.blogspot.com/2012/01/contest-bau-miao.html

mi ricordo che Lise preparava pappe spettacolari alla piccola Pina!!!
buon pomeriggio

lise.charmel ha detto...
01 febbraio 2012 11:26

ahahaha, potevi mettere un banchetto sul balcone, la tua foto sembra l'espositore della california bakery

lo: accorro subito!

Metroicon ha detto...
02 febbraio 2012 13:53

Sì, beh, comunque non è che tutte queste cose siano proprio andate buttate eh! :)))